Artisti #withRefugees / Adel Abdessemed
Adel
#Abdessemed

Adel Abdessemed (Costantina, 2 marzo 1971) è un artista francese.
Inizia la sua produzione artistica a Batna, poi entra all’École supérieure des beaux-arts d’Alger nel 1990. Lascia la scuola nel 1994 in seguito all’assassinio del direttore Ahmed Asselah e di suo figlio, all’interno della scuola stessa.

In seguito vive e lavora in varie città, tra cui Lione (École nationale des beaux-arts, 1994-1998), Parigi (Cité internationale des arts, 1999-2000, e poi nei periodi 2005-2008 e 2010-2014), New York (Bourse P.S.1, 2000-2001, e poi nel 2009), Berlino (2002-2004); attualmente vive e lavora a Londra.

Adel Abdessemed è un artista concettuale; trasforma materiali e immagini conosciuti in dichiarazioni artistiche inaspettate, lavorando con molteplici media: disegno, video, fotografia, performance e scultura.

La sua arte parla degli effetti che la società globalizzata ha sull’individuo e sul modo in cui essa influenza il senso e la percezione di sé.

Rappresenta la violenza e la guerra, e spinge a riflettere sulle nozioni di sopravvivenza e distruzione, per commentare il nostro mondo moderno.

Ha esposto in importanti istituzioni, tra cui il Centre Georges Pompidou, il San Francisco Art Institute, il MoMA PS1, e il Musée d’art moderne et contemporain di Ginevra, così come nelle più importanti rassegne internazionali come la Triennale di Parigi, la Biennale di Istanbul, la Biennale di Gwangju, e la Biennale di Venezia.